La scelta dell’armadio: quali sono le domande che ti devi porre per evitare l’errore

Progettare e scegliere l’armadio per la camera da letto non è certamente una cosa semplice. Infatti vanno tenuti in considerazione tanti fattori, aldilà di quello estetico il cui fine è quello di accontentare l’occhio (che vuole la sua parte).

Capita spesso che ci si imbatta in errori che potrebbero essere facilmente evitati considerando alcuni aspetti che vanno tenuti ben chiari in mente.

Ma quali sono esattamente questi aspetti per la scelta dell’armadio?

Prima di tutto avere la piantina della propria camera da letto è già una buona partenza per la scelta dell’armadio. Avere le idee chiare sulle dimensioni e sugli spazi disponibili porta già alle prime considerazioni.

In secondo luogo è bene avere la consapevolezza delle dimensioni del proprio guardaroba, che può essere più o meno ingombrante, e più o meno consistente.

Come terzo fattore è l’ambiente circostante e le varie finiture.

Studia la piantina della tua camera da letto per scegliere l’armadio

Avere chiare le dimensioni e le disposizioni della camera è fondamentale.

Ricostruire gli spazi con gli ingombri degli oggetti presenti nell’ambiente è il primo passaggio per la realizzazione del proprio armadio.

Con questo passaggio ci si può accorgere che la posizione di alcuni mobili potrebbe essere cambiata o spostata, guadagnando preziosi centimetri che potrebbero fare la differenza.

Ad esempio si potrebbe notare che spostare il letto contro la parete opposta potrebbe portare ad un incremento dello spazio a disposizione, migliorando qualitativamente l’organizzazione.

Valutare le dimensioni della stanza è utile anche per evitare il rischio di inserire armadi troppo grandi in ambienti piccoli, oppure l’opposto, ovvero armadi troppo piccoli in ambienti grandi.

Un altro fattore che prescinde anche dagli spazi disponibili, oltre ai gusti personali, è ovviamente la scelta della tipologia di ante: ante battenti oppure ante scorrevoli.

Per avere un armadio con le ante battenti, è necessario avere sufficiente spazio per l’apertura delle stesse, altrimenti il risultato sarebbe un vero e proprio disastro.

Le ante scorrevoli invece sono adatte sia in ambienti più ristretti, ma ovviamente anche in quelli più spaziosi, e possono includere anche lo specchio (ante specchianti) che permetterebbe di guadare altro spazio.

Un’ultima considerazione da fare è proprio quella di costruire l’armadio della propria camera attorno ad altri elementi, come potrebbero essere la televisione o lo scrittoio. Scegliere l’opzione del “su misura” è spesso la più consona, soprattutto quando le possibilità che sono di disposizione sono davvero poche.

Quanti vestiti hai? E’ utile saperlo per scegliere l’armadio

Anche in questo caso bisognerebbe prendersi qualche minuto per rispondere a questa domanda.

Effettivamente l’armadio deve essere contenitore organizzato di vestiti, sia che siano tanti, sia che siano pochi, quindi la scelta del numero delle ante, oltre a dipendere dallo spazio disponibile, dipende anche dalla vastità del proprio guardaroba.

Effettivamente non ha senso scegliere un armadio mezzo vuoto di 4 metri solo per riempire la stanza. In quel caso sarebbe necessario sopperire alla “vuotezza” con qualche altro complemento, come potrebbe essere una piccola libreria.

Nel caso contrario, se lo spazio non è tanto ma i vestiti sì, si possono valutare anche soluzioni a ponte che permettono di guadagnare centimetri.

E’ bene capire anche se si ha l’intenzione di inserire nell’armadio i vestiti di tutte le stagioni, oppure se li si separano facendo il famoso “cambio stagione” .

Cosa dovrà contenere l’armadio?

Organizzare gli scompartimenti dell’armadio non è proprio così semplice durante la scelta dell’armadio.

Ognuno di noi dà per scontato che al suo interno ci vadano i vestiti, ma esistono talmente tante tipologie di capi di abbigliamento, tessuti ed ingombri che generalizzare sarebbe incorretto.

Bisogna fare i conti con le proprie preferenze o scelte stilistiche.

Per esempio: un uomo che è appassionato di cravatte e ne ha di ogni genere e colore, molto probabilmente avrà necessità di avere uno scomparto organizzato ed ordinato dedicato solo ad esse. Oppure una donna che veste solo abiti troverà più utile dividere gli spazi con aste appendiabiti piuttosto che con cassettiere.

Effettivamente, in fase di progettazione, è fondamentale fare un resoconto dei vestititi che finiranno dentro l’armadio per mantenere per chiaro il risultato che si desidera.

Scegliere l’armadio abbinandolo all’ambiente che lo accoglie

Capita spesso che nell’indecisione sulle finiture dell’armadio si scelga di farlo bianco per “tagliare la testa al toro”, perché si sà: il bianco sta bene con tutto.

Bene, questo è quello che puoi fare se hai intenzione di avere una camera da letto anonima e senza carattere.

Se invece vuoi dare un tocco di personalità all’ambiente è bene tenere in considerazione anche i colori e i materiali che circonderebbero l’armadio.

Il colore delle pareti, il letto, il gruppo notte ed il pavimento sono determinanti per la scelta dei colori e delle finiture dell’armadio.

Infatti quest’ultimo non deve essere necessariamente dello stesso ed identico colore e materiale, altrimenti si inciamperebbe nello stesso errore come nel caso del bianco: che noia!

Basterebbe invece riprendere, con dei dettagli, i colori e le finiture del resto dei mobili che arredano la camera da letto.

Armadio con profili che richiamano dettagli dell'ambiente circostante

Affidati a Bertoli Arredamenti per la progettazione del tuo armadio: i nostri preventivi sono gratuiti e senza impegno, ed utilizziamo solamente i migliori marchi del made in Italy, quali Novamobili, Voltan, Mobilificio Sangiacomo e tanti altri!

Fissa un appuntamento con uno dei nostri consulenti.





(*) Campi richiesti